Blossom zine

Blossom zine
Mad about flowers? you'll love this !

29 novembre 2009

decorazione natalizia con Symphoricarpos albus


decorazioni e foto di minna mercke schmidt
Snowberry via www.doggis.eu

Symphoricarpos è un piccolo genere di piante di 15 specie decidue della famiglia delle Caprifoliaceae. Quasi tutte sono native dell'America del Nord e del Centro America, mentre una è originaria della Cina. È comunemente conosciuta anche col nome inglese di Snowberry oWaxberry.

Le foglie sono lunghe 1.5–5 cm, arrotondate, bilobate alla base. I fiori sono piccoli, verde-bianco, raccolti in piccoli grappi di 5–15 esemplari, ma in alcune specie possono essere anche solo semplicemente appaiati (ad esempio S. microphyllus). I frutti sono cospicui, di 1–2 cm di diametro, soffici, viarianti dal bianco (S. albus) al rosa (S. microphyllus) al rosso (S. orbiculatus) sino al viola-nero (S. sinensis).

La varietà più comune, definita Snowberry (Symphoricarpos albus) caratterizza un cibo invernale per numerose specie animali durante gli inverni, ma i suoi frutti sono considerati tossici per l'uomo.

Il nome caratteristico di "snowberry" è dovuto al fatto che una volta aperto, il frutto appare internamente come composto di una miriade di granelli di neve.

via http://it.wikipedia.org/wiki/Symphoricarpos

Bookmark and Share

Calendario dell'Avvento con cioccolatini





Calendario dell'Avvento... con le pagine gialle, i cuoricini e i cioccolatini
..a casa mia
Bookmark and Share

field _wheat

www.greatdreams.com

www.purpleslinky.com
Bookmark and Share

Extraordinary graphic project_wheat


Extraordinary graphic project from the czech artist keim.

27 novembre 2009

grass ball_ORB



Orb – the grass ball
Orb is a grass ball that dangles
from the ceiling. The ball is covered
in grass mats. The dried grass is fixed with clear varnish and stretches
out in all directions.
Material
A polystyrene ball is covered in dried real grass mats. The dried grass is fixed with clear
varnish and stretches out in all directions. The roots intertwine with a base mesh and
form a joint area. The grass is conserved by the special technique of drying. The grass
needs no further maintenance.
Transformation
The grass changes its colour from dark green to straw-colour. Depending on the incidence
of light – artificial or daylight – the colours can take up to two years to change.
After three to four years, the appearance of the grass hardly changes any further. If the
grass bends down, the Orb can be turned up side down and fixed to the bail on the
other side of the ball

Streamgarden_ hydroponics garden



Streamgarden - white

Cultivate at home or your workplace with the same technique used in space stations and greenhouses.
Streamgarden is a small personal garden for your home or place of work. It is designed to use the hydroponics technique in an integrated system. Hydroponics gives a magnificent and fast growth of plants. At the same time it is using water and nutrition in an efficient way.
Streamgarden via greenfortune.com
Bookmark and Share

26 novembre 2009

BG presents GIZIA _Elif Bonelli


The New Gizia Showroom, Istanbul
Elif Bonelli, Landscape Architect, Botanic Garden, Turkey
The place: The New Gizia Showroom, Istanbul
Architect:    Arif Ozden, Designer/Interior Architect Landscape Architecture Company: Botanic Garden | www.botanicgarden.com.tr  An overdeveloped megalopolis such as Istanbul severely suffers from   lack of parks. The more the city expands the more green areas we   need in order to sustain a quality urban life. It is easy to find   these areas if you are working in suburbia, but when it comes to the   city center, the crowding of buildings makes it more difficult for a   landscape architect to find the living space to operate. Landscape itself is obstructed by concrete walls that block our   view. The horizontal space is limited and must be dedicated to   living and doing business; gardens are pricey and rare.   It should then be obvious, yet not so common, that the vertical   spaces themselves become an object of landscaping. If city dwellers   do not have the time to lower their eyes to look at the green, it is   time that the garden itself rises to meet their gaze. The Gizia Showroom is a new building of one of the leading   international textile companies in Turkey. The building, an   innovative marvel in itself, is located in an old business area of   Istanbul, crowded and congested. It has no garden area, so the   project was to make a unique work, to solve creatively the problem   of space. The idea of creating a vertical garden was originally   proposed both by the owner and the architectural team as a way to   distinguish and promote the showroom; it was going to be the first   outdoor vertical installation in the entire country.   The small back courtyard on the top of the building is the only   outdoor gathering and hosting place of the showroom. It is open to   the weather but is fully surrounded by high walls, which completely   cover the view and do not offer any relief to the eye. The purpose   of the garden is to smooth the geometry of the space and to give   breath and color to an otherwise somber space.   The vertical garden has been designed on one of the terrace walls   with a 3.5m height and 6.5m width dimension. A steel infrastructure   holds the 22m2 panel attached onto the façade of the wall. Large   slabs of a particular PVC are hung on the steel construction and   these are covered with a fabric where the plants are planted within   deep pockets stuffed with perlite.     The plants on a vertical garden cannot rely on soil from which to   gather their nutrients; the ingenious solution is to plant the bare   roots into perlite, not too dissimilar to the high school exercise   of growing sprouts in cotton.   The fabric and the perlite play the part of soil, evenly spreading   the nutrients to all corners of the wall; relying purely on soil and   water would not work as gravity would finally take its toll,   dragging the life sources of the garden toward the bottom of the   structure. The irrigation system is obviously the heart of the creation as the   nutrients themselves are mixed in a roof tank and distributed on the   sheet with the water by a dosage pump. The linear dripping system   guarantees a continuous supply of water and nutrients through the   porous fabric.   The living structure of the vertical garden is finally covered by a   large blue sheet of stucco net; the purpose of the net is to   increase the carrying capacity of the fabric. Indeed, as the fabric   is organic, in time it might start rotting and let itself down with   the weight of the plants and gravity.   The sheet is colored bright blue in a bold statement of creativity;   the wall does not pretend to be a natural development, but it openly   reminds the viewer of the struggle of mankind to hang on to the   environment, even where it seems impossible to salvage some green   areas.   In time the green will of course expand to cover completely the blue   sheet, but while the wall might appear more ‘natural’ to the   distracted eye, it will always hide in its core the creative act of   this uncanny installation.   We need to be grateful to the private sector for showing the clear   sightedness that allowed us to develop this most innovative piece of   landscaping. It can only be hoped that the municipality will take   the hint and spread these ideas into public areas, starting to cover   a city in green which is often too grey and arid.  Landscape Architect Elif Bonelli
Bookmark and Share

25 novembre 2009

decorazioni per Natale con cipolla rossa

foto e decorazioni di minna mercke schmidt

www.doggis.eu

La cipolla rossa di Tropea è il nome dato alla cipolla rossa (Allium cepa) coltivata tra Nicotera, in provincia di Vibo Valentia, eCampora San Giovanni, nel comune di Amantea, in provincia di Cosenza, nel comune di Acquaviva delle Fonti e lungo la fascia tirrenica. Viene prevalentemente prodotta tra Briatico e Capo Vaticano nel comune di Ricadi. Le particolari sostanze contenute nei suoli di questa zona la rendono dolce e non amara.

Questo ortaggio contiene vitamina C, vitamina E, ferro, selenio, iodio, zinco e magnesio. La forma è rotonda od ovoidale.

Il bulbo ha molti effetti benefici; uno di questi è il potere antisclerotico che porta beneficio per il cuore e le arterie, e previene il rischio diinfarto.

È composta da varie tuniche concentriche carnose di colorito bianco e con involucro rosso; è coltivata in queste zone da oltre duemila anni, importata dai Fenici, e da oltre un secolo, ora abbinata al turismo, contribuisce allo sviluppo socio-economico della zona. La dolcezza dell'ortaggio dipende dal microclima particolarmente stabile nel periodo invernale, senza sbalzi di temperatura per l'azione di mitezza esercitata dalla vicinanza del mare, e dei terreni freschi e limosi, che determinano le caratteristiche pregiate del prodotto.

Una delle sue proprietà è quella di essere un sedativo naturale, utile a conciliare il sonno.

Il gusto è determinato in particolare dalla consistente presenza di zuccheri tra i quali glucosio, fruttosio, saccarosio. È facilmente digeribile. Contribuisce alla dieta alimentare con circa 20 calorie per 100 grammi di prodotto fresco.

http://it.wikipedia.org/wiki/Cipolla_rossa_di_Tropea

Bookmark and Share

Cut Paper Bags_trees in an urban environment


Ten Cut Paper Bags -
Yuken Teruya Second lives remixing the ordinary via core77


Yuken Teruya transforms designer shopping bags from such retail outlets as Hermes, Tiffany's, and Louis Vuitton into magical spaces filled with atmosphere and light. The subjects of these compositions are trees in an urban environment. He begins with a photograph of a specific tree in the city, and painstakingly cuts a detailed image of it from the side panels of the shopping bag. The negative spaces created by cutting permit light to enter and fall across the tree as if it were part of a Lilliputian stage set. While Teruya's intention is not a specific critique of consumer culture as symbolized by glossy shopping bags from expensive stores, there is a poetic justice achieved by returning the tree to its original appearance, before it was pulped to create a shopping bag.
Bookmark and Share

24 novembre 2009

Ciclamino - Cyclamen spp.


www.fitzroygardens.com
Ciclamino - Cyclamen spp.
Classificazione, provenienza e descrizione
Nome comune: Ciclamino
Genere: Cyclamen.
Famiglia: Primulaceae.
Provenienza: Paesi del bacino del Mediterraneo.
Descrizione genere: comprende 15-20 specie di piante erbacee, perenni, tuberose con foglie decorative, portate da un lungo picciolo, ovali o cuoriformi, tondeggianti, a margine intero o dentato. I fiori, portati da lunghi steli e rivolti verso il basso, risultano composti da un calice che si prolunga in una corolla corta, tubulosa, da cui si dipartono cinque lobi lanceolati rivolti all’indietro. Essi possono essere variamente colorati (dal bianco al rosa, rosso, violetto) e compaiono dall’inizio dell’autunno a primavera. Dopo la fioritura la pianta produce i frutti rappresentati da capsule tondeggianti, dure, divise in cinque scomparti, all’interno dei quali si trovano numerosi semi. Vengono coltivati in vaso in appartamento, sui terrazzi, ma, le specie più rustiche, anche all’aperto nei sottoboschi o nei giardini rocciosi.

Specie e varietà
Cyclamen africanum: originario dell’Africa, presenta un tubero molto grosso, così come le foglie, che assumono una colorazione verde e bianca sulla pagina superiore, violetta su quella inferiore. I fiori sono rosa con margini bianchi e carminio verso il centro.
Cyclamen x atkinsii: ibrido rustico, derivato da varie specie, raggiunge i 10 cm di altezza. Presenta foglie ovato-cordate di colore verde, con macchie argentee. Da dicembre a marzo produce fiori, solitamente cremisi, che possono, però, assumere colorazione bianca, nella varietà “Album” o rosa, nella varietà “Roseum”.
Cyclamen cilicium: originaria dell’Asia Minore, è una specie semirustica che arriva a circa 10 cm di altezza e che presenta foglie con variegature argentee e fiori bianchi o rosa con macchie rosse alla base dei lobi.
Cyclamen coum o ibericum o orbiculatum o vernum: specie rustica con piccole foglie verde-argento sulla pagina superiore e rosse su quella inferiore. I piccoli fiori possono essere rossi, rosa o bianchi.
Cyclamen cyprium: originaria dell’isola di Cipro, questa specie semirustica presenta foglie tondeggianti, vellutate con macchie giallastre sulla pagina superiore. La pagina inferiore risulta invece di colore cremisi. I fiori rosa o bianchi presentano una macchia rosa scuro alla base dei lobi e sono profumati.
Cyclamen europaeum: specie molto rustica originaria dei boschi dell’Europa centro-meridionale, con foglie ovato-cordate o reniformi che presentano screziature color argento sulla pagina superiore. I fiori, di colore bianco, rosa o carminio, sbocciano da luglio a settembre e sono molto profumati.
Cyclamen graecum: specie che richiede posizioni soleggiate e clima mite, adatta per le posizioni più luminose del giardino roccioso, che presenta foglie cuoriformi e lucide e fiori nelle varie tonalità del rosa, con la parte centrale più scura.
Cyclamen libanoticum: specie semirustica, con foglie dentate ai margini di colore verde scuro, variegato di bianco, sulla pagina superiore e rosse inferiormente, che raggiunge i 15 cm d’altezza e fiorisce in febbraio-marzo. I fiori sono rosa.
Cyclamen neapolitanum o hederifolium: originaria dell’Italia e della Grecia, questa specie rustica raggiunge i 10 cm di altezza. Ha foglie, verde scuro con variegature argentee sulla pagina superiore e rosse su quella inferiore, che spuntano in autunno, dopo la comparsa dei fiori, che possono assumere colorazione variabile dal malva al rosa pallido al bianco.
Cyclamen persicum: specie spontanea nelle regioni mediterranee, che ha dato origine alle varietà a grandi fiori, che sbocciano in inverno in ambiente protetto. Presenta un tubero appiattito e nero e foglie cuoriformi con la pagina superiore verde macchiata di bianco e quella inferiore rossastra. I fiori, lunghi 2-3 cm, sono profumati e presentano l’interno porpora, potendo essere il resto della corolla di colore variabile dal bianco al salmone al rosa al rosso. Le varietà a fiori grandi più coltivate sono:”Cardinal”, a fiori scarlatti, ”Cristatum”, con fiori color salmone, ”Pink Pearl”, con fiori rosa, ”Perfection Mixed”, a fiori in diverse tonalità di rosso, rosa, malva, bianco, ”Punctatum”, con fiori maculati di rosso scuro, ”Sanguineum”, a fiori rosso vivo, ”Victoria”, con fiori bicolori, rosso e bianco, con margini increspati.
Cyclamen repandum: specie semirustica, coltivabile all’aperto solo nelle regioni a clima mite, che raggiunge i 15 cm di altezza e che presenta foglie ovato-cordate con macchie argentee sulla pagina inferiore. I fiori, profumati, compaiono in aprile-maggio e possono assumere tonalità che vanno dal rosso al rosa al bianco.
Cyclamen rolfsianum: specie originaria dell’Africa settentrionale con foglie verdi striate d’argento e fiori simili a quelli del C. neapolitanum.
Esigenze ambientali, substrato, concimazioni ed accorgimenti particolari
Temperatura: il ciclamino preferisce una temperatura compresa tra 13 e 15°C di giorno e tra 5 e 8°C di notte.
Luce: sono da preferire le posizioni parzialmente o completamente ombreggiate.
Annaffiature e umidità ambientale: si annaffiano quando il terriccio è asciutto, senza bagnare la parte centrale della pianta. Alla fine della fioritura le annaffiature andranno ridotte fino a sospenderle quasi del tutto in estate. In questo periodo e in autunno-inverno è bene modificare il sistema di annaffiatura: mettere acqua nel sottovaso e lasciarcela per 20 minuti, trascorsi i quali si eliminerà quella che non è stata assorbita dal terreno. In questo modo si potrà mantenere umido il terreno senza rischiare (specie nei mesi freddi) che l’acqua possa ristagnare all’interno dei tuberi, facendoli marcire. I ciclamini temono i climi caldi e secchi dei nostri appartamenti riscaldati. È bene quindi tenere i vasi su terrine con ghiaia mantenuta sempre umida.
Substrato: i ciclamini amano i terreni ricchi di sostanza organica e ben drenati. Ottimale per la coltivazione in vaso delle specie semirustiche un miscuglio di terra da giardino, terriccio di foglie, torba e sabbia in parti uguali.
Concimazioni ed accorgimenti particolari: i ciclamini possono vivere anche con le radici leggermente costrette e si procederà al rinvaso, una volta terminata la fioritura, solo se le radici hanno riempito in modo molto fitto il vaso. Le specie rustiche si piantano all’inizio dell’estate, interrando i bulbi a una profondità di 3-5 cm. e, generalmente, non hanno esigenze particolari. Le specie semirustiche si coltivano in vaso, in ambiente protetto durante l’inverno, cui corrisponde il loro periodo vegetativo. Si piantano alla fine dell’estate, in vasi che possano contenere più bulbi, e si portano al chiuso, all’inizio della brutta stagione, in una posizione ben illuminata e a una temperatura di 15°C circa. Quest’ultima è particolarmente importante, perché, se rimanesse troppo bassa, le piante non si svilupperebbero bene e fiorirebbero per un periodo breve. Alla fine della fioritura le piante devono essere ripulite dalle foglie secche e portate in serra fredda per il riposo vegetativo corrispondente all’estate (periodo in cui andrebbero annaffiate solo il minimo necessario per mantenere il substrato leggermente umido attorno al tubero). Alla fine dell’estate si ripianteranno i tuberi sani e si dovrà avere l’accortezza di modificare il sistema di annaffiatura, mettendo l’acqua direttamente nel sottovaso e lasciandocela per 20 minuti, trascorsi i quali si eliminerà quella che non è stata assorbita dal terreno. In questo modo si potrà mantenere umido il substrato senza rischiare (specie nei mesi freddi) che l’acqua possa ristagnare all’interno dei tuberi, facendoli marcire (cosa che può avvenire con l’annaffiatura dall’alto). È importante sapere che i ciclamini formano i boccioli fiorali da settembre a ottobre e, in tale periodo, necessitano di una esposizione che garantisca loro una buona luce indiretta (con esclusione dei raggi del sole) e una temperatura fresca, che si aggiri tra i 10 e i 15 °C (escludendo gli ambienti riscaldati, generalmente caldi e secchi). Durante il periodo della fioritura è bene somministrare un concime liquido ogni quindici giorni. I fiori e le foglie appassiti devono essere eliminati dall’attaccatura sul tubero, per evitare che parti residue di fusti o piccioli possano marcire e danneggiare l’intera pianta. Nel periodo della fioritura sarebbe bene porre i vasi su terrine contenenti ciottoli mantenuti sempre umidi, al fine di assicurare un buon grado di umidità atmosferica.

Bookmark and Share

Cyclamen bianchi


vecchia zuppiera con ciclamini bianchi a casa mia
un'idea presa dal libro di Laetitia Maklouf

Smalto, rossetto e pollice verde di Laetitia Maklouf
"E per la decorazione?
Avete una tazza scompagnata in stile vittoriano? Ecco come farla diventare un vaso di ciclamini. Qualche vecchia bottiglia o barattolo? smaltateli e riempiteli di fiori e foglie secchi, l'effetto è garantito. Un vaso di vetro inutilizzato o un grosso bicchiere? interrateci dentro una piantina di aloe o "forzate" i bulbi di narciso per Natale..."
Bookmark and Share

Bordeaux_botanical garden

Bordeaux Botanical Gardens via picasa
Bordeaux_botanical_garden via Panoramio

Bordeaux_botanical_garden via theenglishmuse.blogspot.com

Landscape architect Catherine Mosbach creates a new garden at the Bordeaux Botanical Garden

The new Bastide Garden at the Bordeaux Botanical Garden in France by landscape architect Catherine Mosbach is designed to deal with issues of biodiversity, renewable natural resources and the dynamics and mutation of landscapes. The concept is that of the artificial "botanical object" for the layout of the gardens.
Bookmark and Share

22 novembre 2009

ghirlande decorative


My motto is: “Finding beauty in everyday life”. You don’t need the most expencive decorations and materials to bring the beauty to your home and garden.

In my work as a stylist I try to find inspirational, personal, eco-friendly, affordable and easy to apply -ideas for my clients; interior and garden magazines in Scandinavia and US.

via blomsterverkstad.blogspot.com

Bookmark and Share

19 novembre 2009

Red House, Bexleyheath, England. William Morris



Red House, Bexleyheath, near London, England.

Red House in Bexleyheath in the southern suburbs of London, England, is a key building in the history of the Arts and Crafts movement and of 19th century British architecture.

It was designed by its owner, William Morris, and the architect Philip Webb, with wall paintings and stained glass by Edward Burne-Jones.

Morris wanted a home for himself and his new wife, Jane.

He also desired to have a "Palace of Art" in which he and his friends could enjoy producing works of art.

The house is of warm red brick with a steep tiled roof and an emphasis on natural materials.

The garden is also significant, being an early example of the idea of a garden as a series of exterior "rooms".

Morris wanted the garden to be an integral part of the house, providing a seamless experience.

The "rooms" were comprised of a herb garden, a vegetable garden, and two rooms full of old-fashioned flowers — jasmine, lavender, roses, and an abundance of fruit trees — apple, pear and quince.

Morris lived with Jane in the house for only five years, during which time their two daughters, Jenny and May, were born.

Upon leaving, Morris vowed never to return.
Bookmark and Share

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails